Autore: Luana Stinziani

Bonus patente 2022

Il 18 ottobre nella Gazzetta Ufficiale è stato pubblicato il Decreto Infrastrutture 30 giugno 2022 con le indicazioni attuative del bonus patente 2022/2023.

Manca davvero poco alla possibilità concreta di richiedere il bonus patente 2022/2023 diretto a coloro che vogliono intraprendere la professione di autotrasportatore.
Il 18 ottobre 2022 sono arrivate le indicazioni su come andrà utilizzata la piattaforma, siamo solo in attesa del là alla procedura.

Si parla di bonus patente camionisti 2022 ormai da qualche mese, da quando, cioè, il Decreto Milleproroghe ha introdotto la possibilità per gli aspiranti camionisti under 35 di richiedere un voucher di max 2500 euro come rimborso per le spese sostenute per ottenere la patente C e la Cqc.

Qualche mese fa il bonus ha ricevuto l’ok dal Garante.

Nuovo bonus patente

Come saprai, se stai leggendo questa pagina, per lavorare nel settore trasporto merci professionalmente ti occorre ottenere la patente C e la Cqc, la Carta di qualificazione del conducente.
Inoltre, più volte, abbiamo descritto la crisi dei settori trasporti e logistica, a causa della penuria di personale giovane: i camionisti sono sempre più in là con l’età e non c’è stato, forse anche a causa dei costi della formazione, un ricambio generazionale.

Ecco perché più volte il Governo è intervenuto favorendo la formazione degli under 35, prima con il bonus patente 2021 (ne abbiamo parlato qui), poi con il bonus cqc 2022.
Nelle prossime righe ti spieghiamo che cos’è il bonus 2500 euro, quali sono i requisiti e come richiederlo.

Che cos’è il bonus patente 2022?

Come anticipato, il bonus autotrasporti è un rimborso pari all’80% della spesa sostenuta (fino a un massimo di 2500 euro) per ottenere la patente C e la Cqc.
Il bonus può essere richiesto dal 1 luglio 2022 fino al 31 dicembre 2026, è stato introdotto dal Decreto Milleproroghe, disciplinato dal Decreto Infrastrutture, e gestito dal MIT in collaborazione con la società SOGEI e CONSAP. Solo per l’anno 2022 sono stati stanziati 1 milione di euro.
Chi può richiedere il bonus camionisti under35?

Bonus patente requisiti:

Il bonus camionisti spetta ai cittadini italiani ed europei che nel periodo suddetto abbiano un’età inferiore ai 35 anni, o meglio dai 18 ai 35 anni.
I candidati devono aver frequentato e ottenuto la patente C e/o la Cqc presso autoscuole accreditate, conservando qualunque attestazione delle spese sostenute.

Come ottenere il bonus patente C?

Il bonus può essere richiesto per una sola volta e viene erogato in ordine cronologico fino a esaurimento dei fondi disponibili per ciascun anno.
Gli step da seguire sono questi:
– registrarsi alla piattaforma Buono patente gestita dal MIT
– scegliere per la frequenza dei corsi una delle autoscuole accreditate, come Autoscuole Vigilanzi a Perugia, inserite in un apposito elenco consultabile sulla piattaforma
– il bonus va utilizzato entro 60 giorni dalla data di emissione
– il candidato deve ottenere la patente C e la Cqc entro 18 mesi dall’erogazione del bonus trasporti 2022
Dal canto loro le autoscuole, provvedono al caricamento dei titoli e delle abilitazioni ottenute dal beneficiario ed entro 30 giorni il MIT liquida l’importo dovuto.

Dove fare domanda bonus patente 2022?

La domanda va inserita online sulla piattaforma Buono patente (attenzione sarà attiva fra qualche giorno).
Per accedere è necessario autenticarsi o tramite SPID, o CIE o CNS.
Come detto, il bonus deve essere attivato entro sessanta giorni dall’emissione, pena l’annullamento.
Nel caso in cui il bonus venga annullato, il beneficiario ha la possibilità di richiedere l’emissione di un nuovo voucher nei limiti delle risorse disponibili all’atto della nuova domanda di emissione.

Autoscuola Vigilanzi a Perugia si occupa di patenti professionali e Cqc con competenza e professionalità.
Se sei alla ricerca di un’occupazione, approfitta del bonus patente 2022 2026 trovando occupazione in un settore, che nei prossimi anni avrà bisogno di circa 20mila autotrasportatori in Italia e di ben 180mila in Europa.

Miti da sfatare sulla pratica patente

Partiamo presupposto, che, come formatori, crediamo che l’unico modo per superare la prova sia esercitarsi, con noi in autoscuola o affiancato, munito di Foglio Rosa, da una persona di tua conoscenza.

Non ci sono misfatti e segreti inconfessabili dietro e la sicurezza alla guida è frutto solo di tanta pratica.
Sappiamo però che non superare la prova può essere foriero di frustrazione, rabbia e spesso è più facile dare la colpa a qualcosa o qualcun altro che a noi stessi.

Per esempio, quante volte hai sentito dire che l’esaminatore ha un numero stabilito di promossi e oltre quello non va?

Dai, che lo dicono in giro.

Ebbene, non è così. La bocciatura è fallimentare per te, per noi e per l’esaminatore!

Leggi qui

Patente A: cosa indossare all’esame

Sei un appassionato rider e finalmente, dopo aver seguito i nostri corsi, stai per sostenere l’esame pratico per la patente A? Ricorda che in sede d’esame non puoi presentarti vestito con sneakers e jeans, gli esaminatori sono molto attenti al tipo di abbigliamento indossato, soprattutto perché è obbligatorio per legge. Cosa devi indossare, quindi? Casco integrale (obbligatorio anche al di là dell’esame), guanti, giacca con paraschiena, ginocchiere, pantaloni lunghi e scarpe adatte. La normativa impone lo stesso tipo di abbigliamento anche per chi deve conseguire la patente AM. Leggi di più qui

Ricorso multa: come farlo?

Hai ricevuto una multa troppo esosa e non sei d’accordo con l’infrazione segnalata? Bene, puoi fare ricorso.

Prima di procedere alla contestazione, è meglio ragionarci a mente fredda e capire se è il caso di pagare l’importo dovuto entro 5 giorni dalla ricezione per ricevere anche lo sconto del 30%.

La contestazione è valida solo le multa non è stata già pagata.

Se ritieni che ci siano tutti i presupposti per la contestazione, puoi rivolgerti al Guidice di Pace o al Prefetto. Tra le due figure ci sono sostanziali differenze, in termini di tempi e di spese.

Diciamo subito che rivolgersi al Prefetto è la strada più lunga, ma anche la più economica.
La domanda va inoltrata tramite raccomandata con ricevuta di ritorno o Pec con regolare richiesta di annullamento.
Il Prefetto ha 210 giorni di tempo per rispondere, ma tieni presente che in caso di rigetto del ricorso, l’importo della multa è raddoppiato.

Vuoi saperne di più? Leggi qui.

Alla guida senza occhiali da vista

Cosa succede a chi guida senza occhiali da vista?
Il Codice della Strada è molto severo su questa materia, perché all’art.173 prevede multe salate e la decurtazione conseguenziale di 5 punti patente.
Anche, perché chi ha bisogno degli occhiali da vista dovrebbe indossarli sempre, soprattutto alla guida, rappresentando un pericolo per sé stesso e per gli altri utenti.

L’apposizione del codice 01 sul retro della patente di guida è indicativa dell’obbligatorietà degli occhiali, che possono eventualmente essere sostituiti dalle lenti a contatto.
Chi, invece, si è sottoposto a intervento laser per rimuovere il problema, è esentato dall’obbligo.
Leggi di più qui

Prenota il tuo appuntamento
Il nostro team risponderà nel più breve tempo
possibile!
Deruta
Ponte San Giovanni
Torgiano
=
Seguici sui social ->

© GMG Servizi S.R.L. Via Tiberina 282 06053 Deruta (PG) - Partita Iva 02241120548 - Copyright © 2014 Tutti i Diritti Riservati.